Psicologia, Psicologia e filosofia

Le categorie; la gestalt

tratto da ”Sulla poesia”, di Claudia Radi (Capitolo IX, par.1)

”……..Mi sono diplomata in un istituto tecnico commerciale e conosco bene le ‘’categorie merceologiche’’.

Allora esisteva una specifica materia ‘’merceologia’’, non so se l’attuale piano di studi la preveda ancora.

Molte le cose da dire sull’argomento (non pensavo..).

La ‘’Gestalt’’ è un termine il cui ‘significato’ ho imparato successivamente (durante la mia prima esperienza universitaria incompiuta e successivamente ‘’in autonomia’’), preliminarmente acquisendone la spiegazione logica, poi ‘’interiorizzandolo’’ e prendendone coscienza.

Deriva dal verbo ‘‘gestalten’’ che significa ‘’mettere in forma’’ o ‘’dare una struttura significante’’.

La ‘’gestalt’’ (forma) è un termine utilizzato sia in filosofia che in psicologia.

Chi ne parla sostiene che è importante avere una visione ‘’olistica’’ di ciò che si osserva e non interpretare in modo frammentario i singoli significati degli elementi che la compongono (che compongono la visione).

Ad esempio, constatare che tizio è alto non è sufficiente ad affermare che sia un giocatore di pallacanestro.

Per arrivare al significato di Tizio, quindi, bisogna conoscere più di un elemento ed oltre questa indagine conoscitiva, sarà necessario essere in grado di osservare ‘’contemporaneamente’’ con una modalità detta appunto ‘’Gestalt’’, questi elementi nel loro insieme.

Questo perché scaturisca un significato finale ‘’più esatto’’ e il più possibile aderente alla verità.

Stessa cosa per quello che riguarda il nostro approccio alla conoscenza in genere: si conosce se si riesce ad avere una visione ‘’olistica’’ altrimenti ‘’non si conosce’’.

Nella ‘’Merceologia’’ vengono studiate le materie prime, le merci e i prodotti.

Nella ‘‘Gestalt’’ si studia e si parla dell’essere umano.

Riepilogando il senso di questa mia brevissima ed estremamente sintetica disamina sugli argomenti del mio post, termino affermando l’impossibilità di raggruppare gli esseri umani in ‘categorie’ e che l’unico approccio di lettura possibile a loro applicabile sia quello della ‘Gestalt…….’’

Note dall’autrice:

Per chi fosse interessato ad uno degli aspetti interessanti della Gestalt, può leggere l’ articolo del dottor Pierluigi Salvi (Psicologo e Psicoterapeuta) sulla ”TEORIA DELLA DECRESCITA ECONOMICA E PSICOTERAPIA DELLA GESTALT. UN CONNUBIO POSSIBILE”, dove egli la considera un ottimo strumento per combattere la massificazione e la mercificazione che l’attuale sistema economico parrebbe imporre al genere umano. Non lo posso allegare, ma lo consiglio.

Foto di Claudia Radi

Rispondi Annulla risposta